Amazon Alexa: cos’è, come funziona e cosa fa

Amazon Alexa: cos'è, come funziona e cosa fa

Sistema di intelligenza artificiale di casa Amazon, Alexa è sempre più presente nelle case degli italiani, grazie anche alla crescente popolarità degli smart speaker Echo.

Cerchiamo di saperne di più in questo breve ma completo approfondimento su come funziona Alexa e a cosa serve.

Cos’è Alexa

Se vi state domandando come funziona Alexa o cos’è Amazon Echo, non possiamo che partire dalle basi e cercare di riassumere, in termini non tecnici, di cosa si tratta.

Alexa è un sistema di intelligenza artificiale creato da Amazon, basato su tecnologia cloud, e utilizzabile come una sorta di assistente vocale.

Trattandosi di un software, ne deriva che Alexa ha bisogno di un hardware per funzionare: può dunque essere fruito attraverso smartphone o, più preferibilmente, mediante dispositivi smart più adatti, come gli smart speaker Amazon Echo.

amazon alexa funziona mediante hardware terzi come speaker o smartphone

Di qui, una prima importante distinzione (su cui torneremo): quando parliamo di Alexa ci riferiamo al software di intelligenza artificiale di Amazon, mentre quando parliamo di Echo parliamo degli smart speaker al cui “interno” si trova Alexa Voice Service o, più semplicemente, Alexa.

Iscriviti alla Newsletter

Per ricevere via email coupon esclusivi, offerte limitate e le notizie più “sconvolgenti” del momento. Niente spam, lo giuro! Provare per credere.

Come funziona Alexa e a cosa serve

Ma nella pratica come funziona Alexa e a cosa serve? Insomma, perché dovreste interloquire con un software di assistenza vocale?

Ebbene, le risposte sarebbero numerose ma, in estrema sintesi, sono riconducibili alla possibilità di poter sfruttare Alexa come un vero e proprio assistente personale al quale chiedere che tempo farà domani, fargli annotare una nota o chiedergli di mettere la musica che più ci piace.

Attingendo le informazioni che abbiamo richiesto dal web, Alexa sarà in grado di fornirci una risposta puntuale e rapida ad ogni desiderio. Il tutto – si intende – con la voce: essendo un sistema nato e pensato per essere hands-free, tutti i comandi potranno essere impartiti semplicemente parlando, in maniera naturale, al software di Amazon. Comodo, no?

Funzioni di Alexa: cosa sono le skill?

Quando abbiamo parlato di come funziona Alexa e a cosa serve, siamo stati volutamente sbrigativi perché non esiste un numero “finito” di cose che Alexa permetta di fare.

In altri termini, Alexa è un sistema talmente versatile che Amazon ha ben pensato di farcela personalizzare a piacimento attraverso le skill, ovvero delle applicazioni aggiuntive con cui possiamo spingere al massimo l’efficacia percepita.

alexa si può personalizzare con le skill scaricabili

Navigando in centinaia di diverse opportunità, dunque, ciascun utente potrà individuare le skill maggiormente utili per le proprie finalità di utilizzo. Per esempio, chi vuole utilizzare Alexa come assistente per le proprie attività professionali e di ufficio potrà scegliere di scaricare le app per la produttività già disponibili su Amazon, mentre chi vuole utilizzarla soprattutto per il tempo libero, può arricchirla di skill per la musica e i giochi.

Cos’è Amazon Echo?

Come abbiamo già anticipato qualche riga fa, è importante non confondere Alexa con Echo, e viceversa. Sebbene siano due brand di casa Amazon, hanno in comune solo la possibilità di essere utilizzati in integrazione e in sinergia per poter migliorare l’utilità del servizio di intelligenza artificiale nei confronti dell’utente finale.

Si tratta, tuttavia, di due elementi completamente diversi. Riprendendo quanto abbiamo in parte già condiviso, parlare di Alexa significa parlare di un sistema di intelligenza artificiale basato sul cloud, un software che è in grado di riconoscere i comandi vocali, elaborarli, attingere dal web le informazioni necessarie per poter soddisfare le richieste del proprio utente, e dar seguito alle indicazioni ricevute.

Per rispondere alla domanda cos’è Amazon Echo, invece, occorre pensare a questo dispositivo come a uno smart speaker, ovvero a un altoparlante che, grazie al collegamento WiFi a Internet, permette ad Alexa di “capire” e “rispondere” nel linguaggio umano.

Correlato: Migliori smart speaker

amazon echo è la serie di speaker nati per funzionare con alexa

Naturalmente, con il passare degli anni (e dei modelli), Amazon Echo ha finito per essere qualcosa di più di una “semplice” cassa WiFi con la comparsa – ad esempio – dei display, su cui Alexa può mostrare le previsioni del tempo, gli appuntamenti in calendario, la lista di cose da fare, ecc…

Altri dispositivi compatibili con Alexa

Guai, comunque, a pensare che le potenzialità di Alexa siano “confinate” nel mondo di Amazon Echo.

Mese dopo mese sempre più dispositivi si sono resi compatibili con il sistema di intelligenza artificiale di Amazon, permettendo così all’assistente di diventare sempre più completo e impattante sulla nostra quotidianità.

Ad esempio, sia sufficiente ricordare che Alexa è compatibile con le lampadine (Philips è, in tale ambito, il punto di riferimento) e con le prese intelligenti, con l’assistente Amazon che, dunque, ci permetterà di accendere o spegnere luci ed elettrodomestici a piacimento, o programmare a distanza la loro operatività.

Sono inoltre da tempo compatibili con Alexa anche i termostati e i climatizzatori, così come le videocamere di sorveglianza IP per incrementare la nostra sicurezza. Più recentemente, Alexa è sbarcata anche sui robot aspirapolvere e lavapavimenti, sulle soundbar, sulle cuffie, altri dispositivi audio e tanto altro ancora.

Alexa funziona con luci e altri elettrodomestici

Amazon Alexa o Google Assistant?

Per quanto Amazon Alexa sia senza dubbio uno dei sistemi più innovativi di intelligenza artificiale per la casa, il prodotto della società di Jeff Bezos non ha una posizione da monopolista, dovendo fronteggiare una agguerrita concorrenza rappresentata, principalmente, da Google Assistant, l’assistente intelligente di Google.

Purtroppo, non è facile cercare di comprendere quale dei due sistemi di intelligenza artificiale sia il migliore. Google ha probabilmente qualche punto di vantaggio sulla capacità di comprensione delle nostre parole da parte del sistema di intelligenza artificiale, mentre Amazon ha puntato con decisione, convinzione e successo sulla personalizzazione del suo device, grazie alle skill, e sulla compatibilità con dispositivi terzi.

Insomma, come sempre accade nel momento in cui ci si avvicina ad un acquisto tecnologico, il primo passo da fare è probabilmente quello di domandarsi in che modo utilizzeremo l’ecosistema di intelligenza artificiale.

Abbiamo bisogno di uno smart speaker per il solo ascolto della musica e per qualche supporto informativo? Oppure vogliamo prendere il pieno controllo della nostra casa? Quali dispositivi vogliamo integrare nel nostro ecosistema di intelligenza artificiale?

Una volta note le finalità di utilizzo, sarà sicuramente più semplice comprendere quale sia il miglior acquisto per le proprie esigenze.

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required