Le cuffie Bluetooth fanno male alla salute?

auricolari Bluetooth fanno male alla salute?

Le cuffie Bluetooth fanno male alla salute? Non esattamente, e in queste articolo andremo a fare chiarezza su questo argomento tanto discusso.

C’è un acceso dibattito da quando è in rampa di lancio l’attivazione della rete 5G anche in Italia: le reti di nuova generazione sono dannose? Domanda che fa tornare in auge anche un’altra vecchia preoccupazione: il Bluetooth fa male a chi utilizza cuffie e auricolari giornalmente?

In fondo si tratta comunque di connessioni senza fili perennemente attive e vicine alla nostra testa. Un discorsi simile potrebbe essere fatto con gli smartphone e gli smartwatch, perennemente al polso, per quanto lontane dalla zona della testa.

Qual è la verità? Per fugare i dubbi sulla pericolosità del Bluetooth, forse è meglio partire dalle reti 5G.

Iscriviti alla Newsletter

Per ricevere via email coupon esclusivi, offerte limitate e le notizie più “sconvolgenti” del momento. Niente spam, lo giuro! Provare per credere.

Le reti 5G sono pericolose per la salute?

Le reti 5G sono attive in Italia, attraverso le offerte della Vodafone, dal 5 giugno 2019. Sono subito salite agli onori delle cronache per la loro natura cancerogena. La lotta è stata su due fronti: da un lato articoli allarmistici e accusatori, dall’altra dichiarazioni dell’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) che dice di non preoccuparsi.

auricolari bluetooth fanno male? no

Lo stesso OMS, tuttavia, consiglia a chi fa molte telefonate di utilizzare gli auricolari, così da limitare l’assorbimento di onde elettromagnetiche direttamente nella zona cerebrale. Un avviso che può far preoccupare e, legittimamente, chiedere: allora anche gli auricolari Bluetooth fanno male alla salute? Non bisogna fare altrettanta attenzione?

Il problema, quindi, sono le onde elettromagnetiche. Ed è per questo che il Bluetooth non è dannoso per la salute.

Le cuffie Bluetooth non fanno male alla salute

La tecnologia Bluetooth non è pericolosa in quanto la sua intensità di campo, ovvero la potenza delle onde che emana, è ancora più debole di quella di una rete Wi-Fi casalinga.

Questa tecnologia è divisa in quattro classi che, in ordine decrescente, ne stabiliscono la potenza. La prima classe è la più potente e il Bluetooth ha una portata fino a 100 m, la quarta classe è la più debole e un Bluetooth di questa classe ha una portata che non arriva nemmeno ad un metro.

Anche la seconda e la terza classe hanno un’intensità nettamente inferiore alla prima, unica classe che potrebbe avvicinarsi al livello di emissioni di uno smartphone. Il problema, tuttavia, non sussiste. Questo perché i trasmettitori Bluetooth classici, gli auricolari, appartengono solo alla seconda, alla terza e alla quarta classe.

Ecco un breve schema sulla potenza e la portata della 4 classi dei Bluetooth:

classificazione del Bluetooth

Quindi possono essere usati a contatto con il vostro corpo senza nessun problema. Questo perché le classi dalle due in giù dei dispositivi Bluetooth non raggiungono neanche lontanamente i valori limite internazionale, non essendo abbastanza potenti per poter causare l’assorbimento delle onde elettromagnetiche dal corpo umano. D’altronde sono stati creati specificatamente per essere utilizzati a stretto contatto con il corpo umano.

Per quanto riguarda i livelli massimi, l’Unione Europea ha fissato come massimo dei valori SAR un valore pari o inferiore a 2 W/kg di intensità. Per fare un esempio: dai rilevamenti sugli auricolari e le cuffie senza fili in commercio, in frequenze che vanno dai 900 MHz ai 2,4 GHz, l’intensità dei valori SAR è risultato tra i 0,001 e 0,250 W/kg. Intensità decine di volte inferiori al massimo stabilito per gli smartphone, e quindi totalmente immune per gli esseri umani.

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required